La relazione tra sordità e visione periferica

La relazione tra sordità e visione periferica

01-sordita-ipoacusia-eta

Un gruppo di ricercatori dell’Università di Sheffield ha verificato come, i bambini nati sordi, presentino una maggiore lentezza nella reazione ai movimenti registrati dalla visione periferica, mentre questa caratteristica si inverte durante lo sviluppo.  Parliamo della visione che capta gli stimoli più laterali del campo visivo che, coloro che nascono non udenti, riescono a sviluppare solo con il tempo.
Adolescenti e adulti nati sordi reagiscono in maniera migliore agli stimoli visivi.  Lo studio suggerisce due importanti conclusioni: da un lato è possibile migliorare gli interventi sui bambini per potenziare la vista periferica, dall’altro ricorda ai genitori che i piccoli sono più esposti ai pericoli del traffico, poiché si accorgono più tardi dell’arrivo degli automezzi.

Pubblicato in Area Scientifica