Una app per semplificare la vita di coloro che soffrono di ipoacusia

01-sordita-musica-cuffie Secondo l’UE, sarebbero circa 10 i milioni di persone a rischio sordità come conseguenza dell’utilizzo scorretto di cuffie ed auricolari. Questo dato allarmante è in per giunta in progressivo aumento soprattutto, a causa dei giovani che ascoltano la musica ad un’intensità troppo elevata.

Pubblicato in Area Scientifica

02-prurito-orecchie Quando si manifesta il prurito all’orecchio, il primo istinto risulta quello di voler infilare qualunque cosa al suo interno per grattarsi. Il comportamento è sbagliatissimo. Bisogna infatti

Pubblicato in Area Scientifica

01-consigli udito estate Per evitare di incorrere a problemi di udito in età precoce, è necessario seguire alcuni consigli che potrebbero rivelarsi davvero utili in vista dell’estate.

Pubblicato in Area Scientifica

regista equilibrio e udito Dopo 40 anni di ricerche è stato finalmente trovato, il cosiddetto “regista” dell’udito e dell’equilibrio.  Parliamo di una proteina-sensore, chiamata TMC1, che all’interno dell’orecchio traduce suoni e movimenti della testa in segnali nervosi diretti al cervello.

Pubblicato in Area Scientifica

danni udito cattive abitudini Nella vita quotidiana, esistono delle abitudini che possono portarci gradualmente e inconsapevolmente a compromettere il nostro apparato uditivo. Eccone di seguito quattro da non sottovalutare

Pubblicato in Area Scientifica

In Inghilterra un uomo di 31 anni ha rischiato di morire per una grave infezione batterica causata da un cottonfioc. La rivista medica British Medical Journal Case Reports ha recentement riportato il caso di un uomo inglese di 31 anni, che ha rischiato di morire per una grave infezione batterica causata da un cottonfioc. Il giovane ha rischiato di morire dopo che una parte del cottonfioc gli si è incastrato nel condotto uditivo. L’uomo ha iniziato ad accusare prima dolore all’orecchio sinistro e successivamente, nel giro di pochi giorni, ha iniziato ad avere mal di testa, vomito, nausea e convulsioni.  Il soggetto faceva anche fatica a ricordare i nomi delle persone. In realtà i problemi all’orecchio del paziente non erano una novità per lui: negli ultimi cinque anni aveva infatti sofferto di dolore all’orecchio sinistro e perdita dell’udito e per ben due volte era stato trattato per gravi infezioni. Il trentunenne è stato curato all’ospedale di Coventry, dove è stato sottoposto a Tac al cervello e le immagini hanno dimostrato che ben due aree alla base del cranio erano infette e, nello specifico, vicino al canale uditivo sinistro. È stato di conseguenza sottoposto a un intervento chirurgico durante il quale è stato individuata ed estratta la parte del cottonfioc che causava i sintomi menzionati in precedenza. Gli specialisti hanno estratto il corpo estraneo

Pubblicato in Area Scientifica

problemi-di-udito Ritieni che una persona a te cara, parente, amico o collega, possa avereun problema di udito?  Consigliamo di leggere con attenzione questo post e, qualora dovessi riscontrare almeno uno di questi atteggiamenti, considera che forse può essere giunto il momento di consigliare loro un controllo dell’udito. I sintomi dei problemi di udito: La persona in questione ha problemi nel sentire il telefono squillare o il campanello suonare Alza al massimo il volume della TV Chiede sempre di ripetere ciò che hai detto Ha difficoltà a sentire le persone che la chiamano da dietro Gli effetti sul comportamento e sul carattere La persona affetta da problemi all’udito può ritirarsi dai contesti che frequenta abitualmente e provare vergogna, senso di colpa e rabbia. La persona può anche diventare più autocritica e provare una bassa autostima. Cosa fare Se ci tieni a questa persona, supportala, comprendila ed aiutala, tentando di farle capire che la soluzione migliore è quella di affrontare il problema, senza rimandare ulteriormente!

Pubblicato in Area Scientifica

apparecchi-acustici-contributo-asl-phonaton Gli aventi diritto al contributo Asl per l’apparecchio acustico appartengono alle seguenti categorie I ricoverati in strutture sanitarie accreditate, pubbliche e private. I minori indipendentemente dal grado di ipoacusia. Gli invalidi di guerra e di servizio. Gli invalidi con una percentuale del 100% e che necessitano dell’intervento protesico. In tali casi, non essendo possibile procedere con una richiesta di aggravamento dello stato Gli invalidi del lavoro ai quali i dispositivi vengono erogati dall’INAIL, secondo le modalità stabilite dall’Istituto stesso. Gli invalidi civili cui è stata riconosciuta una ridotta capacità lavorativa di almeno un terzo e risulti nel verbale di accertamento l’ipoacusia tra le cause invalidanti. Gli invalidi civili non in età lavorativa che per sommatoria delle patologie, compresa l’ipoacusia, arrivano ad avere riconosciuta una invalidità superiore al 33,3%. invalidante, dovrà richiedersi l’inserimento dell’ipoacusia tra le cause di invalidità, ai fini dell’accesso alla fornitura. Dopo aver accertato che si può ottenere il contributo, si passa dunque agli step successivi. Fase 1

Pubblicato in Area Scientifica

Negli ultimi articoli abbiamo parlato della presbiacusia e dei suoi sintomi.  Oggi elencheremo i le tipologie di presbiacusia.

Pubblicato in Area Scientifica

presbiacusia-sintomi Nello scorso articolo abbiamo parlato della presbiacusia, ovvero della progressiv perdita dell’udito conseguenza dell’invecchiamento.  Oggi elencheremo i sintomi di questa malattia.

Pubblicato in Area Scientifica