Problemi di udito legati alla decodifica del volume: scoperti 3 neuroni

Problemi di udito legati alla decodifica del volume: scoperti 3 neuroni

01-neuroni-volume-problemi-di-udito

Un recente studio degli scienziati del Karolinska Institute, in Svezia, ha evidenziato come i neuroni dediti alla trasmissione dei suoni al cervello, comprendono in realtà tre tipologie di cellule molto diverse tra loro.A tal proposito, Francois Lallemend, il capogruppo del team di ricerca che ha condotto lo studio, ha affermato: “Ora sappiamo che ci sono tre diversi percorsi nel sistema uditivo centrale, invece di uno solo. Questo ci consente di comprendere meglio il ruolo svolto dai diversi neuroni dell’udito e abbiamo anche mappato quali geni sono attivi nei singoli tipi di cellule”.
Il team ha condotto lo studio sui topi, avvalendosi della tecnica relativamente nuova di sequenziamento dell’RNA per singola cellula.
Il risultato è stata la generazione di un catalogo di geni espressi nelle cellule nervose, che può fornire agli scienziati una solida base per ottenere una migliore comprensione del sistema uditivo e per l’implementazione di nuove terapie e farmaci.
Il dottor Lallemend prosegue: “Il nostro studio può aprire la strada allo sviluppo di strumenti genetici che possono essere utilizzati per nuovi trattamenti per diversi tipi di disturbi dell’udito, come l’acufene. La nostra mappatura può anche dare origine a diversi modi di influenzare la funzione delle singole cellule nervose nel corpo.”
Lo studio mostra che questi tre tipi di neuroni hanno probabilmente un ruolo nella decodifica del volume, una funzione cruciale durante le conversazioni in un ambiente rumoroso, che si fonda sulla capacità di filtrare il rumore di fondo. Questa proprietà è anche importante in diverse forme di problemi d’udito udito, come l’acufene o l’iperacusia (ipersensibilità al suono).

Pubblicato in Area Scientifica